Christie’s: l’Analisi dei Risultati delle due Aste del 6 novembre 2023

Schermata 2023-11-08 alle 15.14.15

Di seguito l’analisi strettamente numerica ed economica dei risultati delle due aste di Christie’s del 6 novembre 2023 a Ginevra.

La prima asta di Christie’s di cui analizziamo i risultati è la numero 21989 “Rare Watches” del 6 novembre 2023 – tenutasi al Four Season Ginevra – Venduto totale CHF 17.548.810

L’asta è così rappresentata dai dati aggregati:

 

Lotti in catalogo 140, Ritirati 3, invenduti 14. Di seguito l’elenco dei lotti invenduti

 

Andiamo ora ad osservare i numeri di questa vendita, per capire quali indicazioni ha offerto. Ricordiamo che per semplificare, ma anche per costruire al meglio il discorso, divideremo il mercato in tre macro-aree: 

A – la fascia “standard” da 0 a 100.000 euro

B – l’Alta Orologeria Vintage da 100.000 a 600.000 euro

C – il mercato top-end da 600.000 euro in su

Considerando i lotti invenduti si è registrato un 36% percento di incremento tra il prezzo di stima minima e quello del prezzo di realizzo.

Considerando invece l’incremento dei soli lotti venduti tra il prezzo di stima minima e quello di realizzo abbiamo un incremento del 45%

 

Considerando i volumi PRE-Asta (stima minima) ed i volumi POST-Asta (Prezzo di realizzo), possiamo osservare come varia la composizione dei lotti in base alle classi. Una volta aggiudicato il prezzo la composizione assume un deciso ampliamento della classe dei top lot ovvero sopra i 600.000 euro ed un assottigliarsi della classe degli orologi valutati inferiori ai 100.000 euro a favore come vedremo della classe intermedia.

 

 

Con la nostra tabella di migrazione riassuntiva possiamo osservare come si sono spostati i valori tra una classe e l’altra: 

la classe A ha avuto una migrazione superiore in termini di numero di lotti infatti passano in classe B 18 lotti, più mite il passaggio della classe b solo 2 lotti 

 

 

In termini di valore la classe B prende circa 2mln di euro dalla classe A, mentre della classe intermedia passano in classe A 2 lotti per un totale di 1.6mln di euro

 

 

Osservando i volumi delle marche tra le diverse classi osserviamo come la prima classe è rappresentata in maggior volume dalla marca Rolex, e come invece la classe b e la classe C siano rappresentate dalla Patek. 

Il dato interessante è la presenza importante dei lotti della FP Journe nella classe B

 

 

Il rendimento medio migliore è stato rappresentato dagli orologi in fascia a della FP Journe, per quanto riguarda la seconda classe il rendi mento medio migliore l’anno avuta i Patek Philippe

Per quel concerne la classe c il rendimento migliore è da attestare a PHILIPPE DUFOUR

 

 

 

LOTTI MIGRATI DALLA CLASSE A ALLA CLASSE B

 

La seconda asta di Christie’s di cui analizziamo i risultati è la numero 22974 “Passion for Time – An Important Private Collection of Watches and Timepieces” del 6 novembre 2023 – tenutasi al Four Season Ginevra – Venduto totale CHF 37.930.320

L’asta è così rappresentata dai dati aggregati

 

Lotti in catalogo 112, Ritirati 0, non da campione 4. Invenduti 0.

 

 

l’incremento dei lotti venduti tra il prezzo di stima minima e quello di realizzo abbiamo un incremento del 28%

 

 

Considerando i volumi PRE-Asta (stima minima) ed i volumi POST-Asta (Prezzo di realizzo), possiamo osservare che il campione è spostato in entrambi momenti sulla classe Top Lot.

 

 

 

Andiamo ora ad osservare i numeri di questa vendita, per capire quali indicazioni ha offerto. Ricordiamo che per semplificare, ma anche per costruire al meglio il discorso, divideremo il mercato in tre macro-aree: 

A – la fascia “standard” da 0 a 100.000 euro

B – l’Alta Orologeria Vintage da 100.000 a 600.000 euro

C – il mercato top-end da 600.000 euro in su

Con la nostra tabella di migrazione riassuntiva possiamo osservare come si sono spostati i valori tra una classe e l’altra.

 

Con la nostra tabella di migrazione riassuntiva possiamo osservare come si sono spostati i valori tra una classe e l’altra.Rolex ha venduto circa un terzo dell’intero totale, con un rendimento medio al 27%. Rendimenti più alti per Patek Philippe e Audemars Piguet.

Il grafico esplicativo sulla percentuale del venduto.

Rolex ha delle vendite molto alte nella classe C, quella più importante, come pure Patek Philippe.

Il rendimento medio dimostra l’omogeneità di Rolex, anche nella fascia bassa del mercato.

Di seguito i lotti che sono passati dalla A alla B, quindi che hanno aumentato il loro valore rispetto alle stime iniziali.

Valutiamo e compriamo il tuo orologio

Il più esclusivo catalogo di orologi vintage

Visita Ora

La boutique di Roma

Via della Croce, 13