Valuta
Lingua

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress
Orologi moderni Orologi vintage

Rolex Submariner 5510

di Gioielleria Bonanno

Rolex Submariner 5510

Com’è risaputo, l’affidabilità e la qualità della Rolex ha fatto sì che, negli anni, il marchio pentastellato sia stato scelto da molti personaggi noti, i cui nomi sono stati associati ai prodotti indossati, conferendo a questi orologi ulteriore valore in termini di esclusività.

Vi presentiamo oggi il Submariner Coroncione 5510.
“Coroncione” è sinonimo di James Bond. L’attore Sean Connery, nei panni dell’agente 007, indossava infatti proprio questo modello nel film “Licenza Di Uccidere”. Ian Fleming, creatore della famosa spia inglese, possedeva a sua volta un orologio Rolex ed è verosimile credere che questo lo abbia influenzato nella scelta del segnatempo per il suo mitico personaggio.

Si pensa che l’orologio in questione fosse un Rolex 6538, anche questo chiamato “coroncione” e quindi con la stessa caratteristica distintiva del nostro Rolex 5510: la grande dimensione della corona di carica e della rimessa a ora.
Nel nostro caso, tuttavia, differenze come il meccanismo calibro 1530 (1030 nel caso del modello 6538) e il fatto che l’orologio sia stato prodotto per un solo anno (per l’esattezza il 1959), lo rendono il più raro coroncione mai realizzato.

Alleghiamo la foto dell’orologio ed un grafico con l’andamento del valore nei vari anni, riportando il costo originario, evidenziando il corrispettivo odierno e la notevole rivalutazione.

Il modello standard dell’orologio in questione, partendo da un costo di circa 100.000 Lire del 1959, corrispondenti al potere di acquisto odierno di €1.363,62, ha raggiunto ad oggi un valore di €100.000, cifra superiore di circa 73 volte rispetto a quella iniziale. Questo dimostra la grande rivalutazione e quindi il grande investimento che questo orologio ha reso.

Articolo di Fabio Michetti

Iscriviti alla newsletter

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13, decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196