Valuta
Lingua

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress

Rolex GMT Master “I Gilt dial”

di Gioielleria Bonanno

Rolex GMT Master “I Gilt dial”

Verso la metà degli anni ’50 i vertici della “PAN AMERICAN” , allora leader del trasporto aereo mondiale, invitarono la ROLEX S.A. a studiare un modello di orologio adatto a piloti e al personale in volo così da alleviare gli effetti del “jat-lag” e dotarli di uno strumento adatto ad indicare un secondo fuso orario. Da questo studio congiunto nacque il “GMT MASTER”, primo orologio della maison svizzera che riusciva a centrare ,con la semplicità di una sfera fatta a “freccina”, l’obbiettivo preposto.

Era il 1956, il modello aveva referenza 6542, si riconosceva immediatamente per la ghiera rosso blu in ba-chelite ( resina plastica molto fragile) tarata con le 24 ore, e da allora , passando svariate forme di cassa, di quadrante e di sfere, non ha mai più lasciato i listini rolex , lo troviamo infatti ancora ai giorni nostri sempre con la sua solida ghiera graduata, con la sua freccia e col suo fascino immutabile dopo oltre 50 anni.

La freccia con lo stelo rosso è pur cambiata nel tempo, la punta è diventata più grande e alla fine lo stelo è diventato verde; i movimenti si sono via via sempre più affinati e perfezionati; l’inserto ghiera prima
in bachelite è diventato poi in alluminio poi in ceramica; i quadranti che all’inizio erano belli lucidi sono diventati opachi per poi tornare lucidi; casse che prima non avevano protezione della corona di carica e poi l’avevano a punta e alla fine l’avevano stondata; tutto alla fine porta a decine di modelli tutti diversi per piccoli particolari an volte apprezzabili solo dai più esperti.

I più affascinanti, ad esclusione del capostipite 6542 che per forza di cose è il “top” dei gmt rolex, sono i 1675 che nascono nel 1959, lo sostituiscono, e ci accompagnano al polso fino agli inizi degli anni ’80.
Il 1675 è il GMT per eccellenza, e specialmente bellissimo nei primi anni di produzione quando era dotato di quadranti “gilt” (fondo lucido) con scritte oro: pochi fronzoli e molta sostanza, calibri robusti e precisi, cassa in acciaio con gradevolissime spallette di protezione a punta fino alla metà degli anni ’60, freccia GMT con punta piccola (freccino) , una sportività così sobria da poter essere indossato in tutte le occasioni, ed ancora oggi molto fascinoso come vintage da intenditore.

Parlavamo dei quadranti gilt: il sistema di fabbricazione era molto elaborato, la base veniva immersa in un bagno galvanico dorato, poi venivano applicate delle matrici a tampone dove dovevano rimanere le scritte e indici, successivamente altro bagno galvanico per dare il nero poi eliminazione dei tamponi (per questo le scritte e tutti i particolari dorati dei quadranti gilt sembrano tutti infossati) e finale trattamento con vernici lucide e applicazione del materiale luminescente sugli indici. Risultato finale estremamente gradevole e di una profondità ed effetto che difficilmente possono raggiungere addirittura i quadranti odierni. La totale lucentezza dello “zapon” (la vernice lucida di finitura) accostato allo stacco delle scritte dorate quasi incise, e al rilievo degli indici trattati con abbondante trizio, in certe angolazioni di luce, crea un effetto magico ed estremamente raffinato, che specialmente se accostato dalla patina che il tempo ha creato sulla superficie, da’ al collezionista, e non solo a lui, un emozione unica.

Molto varie le tipologie di quadranti gilt che si sono susseguite nei 1675 GMT : all’uscita ,nel 1959-60, troviamo poche centinaia di esemplari con minuteria continua ( così denominati perchè avevano un cerchio a bordo quadrante che congiungeva tutte le estremità degli indici dei secondi) con scritta ad ore 6 , Officialy Certified Chronometer (OCC), praticamente lo stesso tipo che “indossava” il loro “babbo” 6542; seguiran-no fino a circa il 1964 sempre i minuteria continua con diverse grafiche ma con scritta ad ore 6 Superlative Chronometer Officially Certified (SCOC), poi da fine ‘64 a fine produzione gilt ( circa 1967) scompare il cerchio che univa gli indici dei secondi ed appaiono nella produzione Rolex i quadranti detti a “minuteria aperta”. Gradevoli intermezzi si hanno nel ‘63 e ‘64 con quadranti gilt minuteria aperta con una piccola linea (underline o underlined) sotto la scritta SCOC a ore 6, specialmente molto rara ed apprezzata la gra-fica del 1963 underline minuteria aperta indici dei secondi lunghi, che in certi casi aveva la doppia scritta swiss sotto l’indice ad ore 6, queste ultime sembra siano state prodotte per la sola commercializzazione nel mercato d’oltre oceano. Esistono comunque anche underline con minuteria chiusa, anch’essi molto rari. I quadranti underline a detta di molti sembra fossero delle “prove” per vedere l’effetto della futura definitiva eliminazione della minuteria continua dai quadranti gilt , ma col tempo abbiamo imparato che era il segno di uso del trizio in luogo del radio per le parti luminescenti.

La rarità dei GMT con quadranti gilt in ottimo stato è risaputa da tutti: come reperibilità i più difficili sono gli OCC seguiti dagli underline per non parlare poi di quelli personalizzati con scritte o loghi particolari.

l’anno 1964 è la svolta della produzione del 1675; infatti in quell’anno la cassa perde i caratteristici “corni-ni” per fare posto a spallette di protezione più stondate, inoltre a causa della normativa americana sull’uso di materiali radioattivi viene aggiunta alla scritta “swiss” sotto l’indice ad ore 6 la dicitura “T>25” ad indicare l’emissione di radiazione delle parti luminescenti del quadrante. Lo stesso diventerà come detto prima a “mi-nuteria aperta” sempre a finitura lucida e scritte oro fino quasi al 1968, quando farà posto ai classici quadran-ti “matt” (nero opaco) con scritte bianche, ma questo, come direbbero gli scrittori inglesi, è un altro discorso.

capostipite 6542, qui nell’ultima versione del 1958/59
di questo orologio esistono 2 tipi di quadranti preserie (scritte rosse) e 4 tipi normali

01

Qui un 1675 con una pubblicità del 1961.

untitled-1

qui il primo modello 1675 OCC del 1960…. ricordate che solo entro i 600.000 di cassa possiamo rientrare in questa tipologia di quadrante…

04

ecco il primo modello SCOC, sempre primi anni ‘60… riconducibile alla produzione 1960/’61

05

nel 1962 molti quadranti avevano il cosiddetto “punto esclamativo” sotto l’indice rettangolare ad ore 6…..

06

i quadranti minuteria continua continuano fino alla fine produzione cornini nel 1964, ma nel 1963 vengono affiancati dai transizionale con quadrante senza min continua e doppia swiss (esistono anche singola swiss) con underline ( e senza)…. si tratta delle prime prove del successivo definitivo abbandono delle minuterie chiuse nel ‘65 e caratterizzato dal posizionamento degli indici (pallettoni) più vicini al rehaut. io amo chiamare questi quadranti “indici lunghi”….

07

09

anche esempi di minuterie chiuse con underline sempre nel 1963 circa….

10

12

e ora una piccola carrellata di quadranti del 61/62/63/64…
un doppia swiss indici lunghi underline del 1964 personalizzato Serpico y Laino… sembra comunque che questi quadranti ad indici lunghi siano stati prodotti esclusivamente per il mercato americano.

13

indici lunghi underline swiss singola…

15

altro swiss singola underline

16

 

bellissimo esempio di minuteria chiusa del 1961

17

quadrante swiss underline alto

18

Ricordate che sia i min continua che i min aperta swiss sono convissuti negli anni 1963-’64 fino all’entra-ta in vigore delle leggi sulle radiazioni… quindi potete trovare tutte le tipologie di quadrante fino al seriale 1.100.000 circa. altro discorso vale per le casse cornino, che a mio modesto parere sono durate fino a circa 1,2 milioni.
Il freccino comunque e sempre di sicuro su tutti i 6542 e su tutti i 1675 cassa cornino.

19

dal 1965 circa cambia tipo di cassa…. ed i quadranti si unificano tutti con indici corti insieme alla scritta T>25….. tali quadranti saranno montati fino al 1967 sicuro, è possibile anche qualche esemplare del ‘68. quanto al freccino, io tenderei a renderlo “obbligatorio” fino al 1967, ma è una mia ipotesi. praticamente questo modello non ha differenze evidenti negli anni di produzione (1965-1968 circa). qui modello del ‘65 tropicale con freccia grande ( sostituita negli anni) come l’inserto che è notoriamente più recente (inserto nero solo con l’avvento dei 16750 IMHO).

20

e un classico esemplare gilt del 1965/66

21

raro esemplare di quadrante gilt radiale t<25

22

Articolo di:  Marco Di Falco

Tags:

Iscriviti alla newsletter

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13, decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196